progetto cofinanziato da:
unione-europea

UNIONE
EUROPEA

logo-prefettura-di-torino minitero-dell-interno

Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (2014-2020)

AVVISO AGLI UTENTI:
DAL 18/01/2021 SARA' DISPONIBILE SUL SITO DEL MINISTERO DELL'INTERNO ALL'INDIRIZZO  https://portaleservizi.dlci.interno.it  LA NUOVA SEZIONE "CITTADINANZA" PER LA COMPILAZIONE, L'INVIO E LA GESTIONE DELLE DOMANDE DI CITTADINANZA ON-LINE DA PARTE DEI RICHIEDENTI, IN SOSTITUZIONE DELL'ATTUALE SEZIONE PRESENTE ALL'INTERNO DEL PORTALE https://nullaostalavoro.dlci.interno.it.

 

Dal 1 Settembre 2020 l'accesso al portale di invio telematico delle istanze da parte dei richiedenti la cittadinanza residenti in Italia, dovrà avvenire esclusivamente con SPID

La cittadinanza italiana si basa sul principio della discendenza, Jure Sanguinis, per il quale il figlio nato da padre italiano o da madre italiana, è italiano. La materia è attualmente regolata dalla legge n. 91 del 5 febbraio 1992 e successive modifiche ed integrazioni. A tal proposito la citata legge, dispone che:

* Sono italiani dalla nascita i figli di cittadini italiani (art.1 c.1 lett. a);

* Sono italiani dalla nascita, se nati in territorio italiano, i figli di genitori entrambi ignoti o apolidi, o coloro i quali non possono acquistare la cittadinanza di nessuno dei due genitori (art.1 c.1 lett. b);

* Il riconoscimento o la dichiarazione giudiziale della filiazione durante la minore età del figlio ne determina l'acquisto automatico della cittadinanza italiana (art. 2 c.1);

* Acquista automaticamente la cittadinanza il minore straniero adottato da cittadino italiano (art. 3 c.1);

* Viene riconosciuta la cittadinanza italiana ai discendenti in linea retta di cittadini italiani (art.4 c. 1);

* Viene riconosciuta la cittadinanza italiana ai cittadini stranieri nati in Italia che ivi abbiano soggiornato ininterrottamente fino al raggiungimento del diciottesimo anno di età (art.4 c.2);

* Possono richiedere la cittadinanza per naturalizzazione i coniugi di cittadini italiani ( 5 );

* Possono richiedere la cittadinanza per naturalizzazione i cittadini stranieri regolarmente residenti in Italia; gli anni di residenza richiesti variano a seconda dei casi ( 9 ).

I cittadini stranieri, pertanto, possono acquistarla se in possesso di determinati requisiti ed in base alle suddette disposizioni è possibile individuare due tipologie di concessione:

 

CONCESSIONE PER MATRIMONIO (art.5 L. 91/92)

CONCESSIONE PER RESIDENZA (art.9 L. 91/92)

_