progetto cofinanziato da:
unione-europea

UNIONE
EUROPEA

logo-prefettura-di-torino minitero-dell-interno

Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (2014-2020)

L'attestato può essere richiesto
1) dal proprietario dell'alloggio,
oppure
2) dal titolare del contratto di locazione o di comodato d'uso.

Alla domanda devono essere allegati i seguenti documenti:
1) "scheda di rilevamento" che dimostri la conformità ai requisiti igienico sanitari e di idoneità abitativa scritta e firmata da un tecnico abilitato e controfirmata dal richiedente;

2) dichiarazione del richiedente del numero totale delle persone che risiedono già o risiederanno nell'alloggio e le generalità di ognuno di essi;

3) una copia di un documento d'identità o altro documento equipollente del richiedente in corso di validità;

4) copia del permesso di soggiorno del richiedente, o, se non è ancora stato rilasciato, di qualunque altra documentazione idonea a dimostrare la regolare presenza sul territorio nazionale.

Per la compilazione della "scheda di rilevamento" il tecnico abilitato deve andare a vedere la casa e poi compilare e firmare la scheda, che deve essere presentata agli uffici comunali entro 30 giorni dalla data di compilazione della scheda, dopo la scheda non è più valida.

In base al Regolamento edilizio e al Regolamento Igiene del Comune di Torino il numero delle persone che possono abitare nell'alloggio dipende dalla sua dimensione. Per famiglie composte da massimo 4 persone residenti nello stesso alloggio occorrono almeno 14 metri quadri per ogni persona.

Per famiglie con più di 4 persone sono sufficienti 10 metri quadri per ciascuno.

 

Esempio: per 3 persone occorrono 42 metri quadri; per 4 persone occorrono 56 metri quadri; per 5 persone occorrono 66 metri quadri.